• info@registrazionemarchionline.it

Proteggi il tuo marchio a 360°

Registrazione Marchio

 

UN MARCHIO È PER SEMPRE!

IL MARCHIO È L’UNICO DIRITTO DI PROPRIETÀ INDUSTRIALE POTENZIALMENTE ILLIMITATO NEL TEMPO!

 

VUOI COMPRARE L’IMMORTALITÀ?

Shape
I NOSTRI SERVIZI

VUOI COMPRARE L’IMMORTALITÀ?

Presenta la domanda di marchio
Eventuale Ricerca di Anteriorità

Preliminarmente all’adozione di un segno distintivo e/o al deposito di un marchio, potrebbe essere opportuno effettuare una ricerca di anteriorità...

Deposito/Registrazione MARCHIO

I Costi Variano A Seconda Dei Territori E Delle Classi D’interesse

Obiezioni Da Parte Dell’ufficio

Successivamente Al Deposito Del Marchio, L’ufficio Verifica I Requisiti Formali E Assoluti Della Domanda Di Registrazione.

Opposizioni A Registrazione Di MARCHIO

Se La Domanda Di Marchio Supera L’esame Dell’ufficio, Viene Pubblicata.

Registrazione marchio: come funziona?

Per procedere alla registrazione marchio è consigliato ad affidarsi ad un professionista che si occupi di tutto l’iter. In alternativa è possibile depositare la domanda di registrazione presso l’Ufficio Italiano Brevetti e Marchi, o per il tramite della Camera di Commercio più vicina. La prima cosa da fare è compilare nel apposita modulistica richiesta dall’Ufficio Marchi, specificando il marchio per il quale si richiede la tutela, i servizi e i prodotti adesso legati e individuando il titolare del marchio stesso. La registrazione marchio, inoltre, consente di avere un diritto di unicità per 10 anni. Questo periodo può anche essere rinnovato che possono essere rinnovati a tempo indeterminato di dieci anni in dieci anni.

Procedimento di Opposizione

01
Deposito dell’Atto di Opposizione

02
Esame dell’Ammissibilità

03
Periodo di riflessione

04
Fase contraddittoria

05
Possibilitta di richiedere le prove d'uso

06
Eventuale Richiesta delle prove d’uso

07
Conclusione: Decisione dell’Ufficio

08
Fase Eventuale
ricorso

COSA È UN MARCHIO

UN MARCHIO
È PER SEMPRE!

Il tuo marchio è il simbolo che permette ai clienti di riconoscerti e ti distingue nei confronti dei concorrenti. Registrando il marchio, puoi proteggerlo e consolidarlo.

  • 100% Soddisfazione del cliente
  • 100% Risultati Garantiti
Presenta la domanda di marchio
Thumb
Thumb Thumb

Perché registrare un marchio e come fare

Perché è importante la registrazione del marchio

La registrazione del marchio è un processo importante per chiunque possieda un’attività. Il marchio, infatti, è il nome o simbolo che rappresenta l’azienda stessa e che permette di riconoscerne i prodotti o i servizi, distinguendola dai competitor. Registrare un marchio è un’operazione fondamentale per tutte le aziende, non solo per i brand più affermati. Sebbene i marchi più famosi siano più soggetti alle copiature e abbiano bisogno di una maggiore tutela, è importante poter distinguere anche le aziende più piccole, tutelandone l’immagine. Imbattersi, infatti, in marchi molto simili può generare confusione nella mente del consumatore e distrarlo nella scelta del prodotto. Generalmente questo avviene quando i brand si assomigliano per assonanze fonetiche o loghi con colori e immagini simili. Registrare il marchio garantisce al proprietario un diritto di monopolio. Questo vuol dire che il titolare del marchio è l'unico che potrà utilizzarlo sul mercato, impedendo di conseguenza ad altri soggetti di utilizzarne uno che sia anche solo simile al suo. La registrazione marchio è garanzia di unicità, ovviando al rischio che soggetti terzi possono adottare il medesimo nome o logo.

Il nostro Staff

I nostri avvocati

Domande frequenti

Risposta alle domande più comuni

Mostra tutto

Cosa è un marchio?

Possono essere considerati come marchi tutti i segni, in particolare le parole, compresi i nomi di persone, i disegni, le lettere, le cifre, i suoni, la forma del prodotto o della confezione di esso, le combinazioni o le tonalità cromatiche, purché siano atti:

  1. a) a distinguere i prodotti o i servizi di un’impresa da quelli di altre imprese; e
  2. b) ad essere rappresentati nel registro in modo tale da consentire alle autorità competenti ed al pubblico di determinare con chiarezza e precisione l’oggetto della protezione conferita al titolare (fonte Codice della Proprietà Industriale).

I marchi sono segni utilizzati nel commercio per identificare prodotti/servizi.

Il tuo marchio è il simbolo che permette ai clienti di riconoscerti e ti distingue nei confronti dei concorrenti. Registrando il marchio, puoi proteggerlo e consolidarlo.

In alcuni Paesi (tra i quali in Italia) è possibile ottenere una protezione (seppur minore) anche se il marchio non è registrato, a condizione che sia usato. Tuttavia, è sempre consigliabile registrarlo per avere la migliore protezione.

L’unica condizione per la registrazione di un marchio è che deve essere definito chiaramente, altrimenti nessuno – né tu né i tuoi concorrenti – avrà la certezza di ciò che la registrazione copre.

Esempi di marchi validamente registrati: https://euipo.europa.eu/ohimportal/it/trade-marks-examples

Il marchio deve essere?

  • Lecito — (esempio..è stato rigettato dall’Ufficio europeo il marchio poiché contrario all’ordine pubblico e al buon costume..cfr. https://guidelines.euipo.europa.eu/1922901/1931629/direttive-di-marchi/4-1-esempi-di-domande-di-mue-respinte)
  • Nuovo — (esempio..non si può depositare/registrare il marchio “MC Bonald” in relazione a fast-food servizi di ristorazione poiché non è “nuovo”, ovvero è simile ad un marchio già utilizzato/registrato da terzi)
  • Distintivo — (non descrittivo) (esempio..non si può depositare/registrare il marchio “Fast-Food” in relazione ai servizi di ristorazione e affini, poiché nome generico dei servizi di riferimento e per tale motivo privo di distintività, cioè non idoneo ad assolvere la funzione principale del marchio: quella di distinguere i prodotti/servizi di un data azienda da tutti gli altri presenti in commercio offerti dalle altre imprese).

Cosa non può essere registrato come marchio?

Non possono essere registrati come marchio in Italia: Marchi descrittivi e/o nomi generici dei prodotti/servizi rivendicati; Marchi ingannevoli (i segni idonei ad ingannare il pubblico, in particolare sulla provenienza geografica, sulla natura o sulla qualità dei prodotti o servizi, ovvero sulla tipologia di marchio; cfr. caso “cotonelle”); Ritratti di persone, nomi e segni notori se non è prestato il consenso; Stemmi, bandiere ed altri simboli che rivestono interesse pubblico; Marchi contenenti parole, figure o segni con significazione politica o di alto valore simbolico, o contenente elementi araldici; Stemmi di partiti politici; Segni contrari alla legge, all’ordine pubblico o al buon costume (ai sensi del Codice Penale e delle leggi penali); Indicazioni geografiche (artt. 29-30 CPI); Riproduzioni di opere d’arte o di beni culturali.